Archivi tag: Biografia

Steve LeVine

Steve LeVine 

Steve LeVine è stato in Asia Centrale e nel Caucaso per 11 anni – a partire da due settimane dopo il crollo sovietico del 2003.

È stato corrispondente del The Wall Street Journal per la regione delle otto-nazioni e prima ancora per il New York Times.

Dal 1988 al 1991 è stato corrispondente del Newsweek in Pakistan e Afghanistan. Prima di ciò, ha coperto le Filippine per il Newsday dal 1985 al 1988. Ha lavorato sul petrolio con lo staff del The Wall Street Journal dal gennaio 2007.

Attualmente sta scrivendo un nuovo libro sulla Russia che, tra le altre cose, cerca di spiegare la serie di omicidi di alto profilo.

LeVine è sposato con Nurilda Nurlybayeva e insieme hanno due figlie.

PER ULTERIORI INFO SULL’ATTIVITÀ DI STEVE:
W http://oilandglory.com
@ stevlevine@gmail.com

François Barcelo

François Barcelo © Martine Doyon 

François Barcelo è nato il 4 dicembre 1941 a Montréal. Dopo aver conseguito il diploma in letteratura francese presso l’Université de Montréal, inizia a lavorare in ambito pubblicitario. A 28 anni è nominato vice-presidente della Società J. Walter Thompson, all’epoca la più grande agenzia pubblicitaria al mondo. L’anno successivo abbandona la società per diventare pubblicitario free-lance – attività che eserciterà fino al 1988 – e per dedicarsi alla scrittura.
Nel gennaio 1981 appare il suo primo romanzo, Agénor, Agénor, Agénor e Agénor. Nel corso dei trenta e più anni successivi appariranno numerosi altri romanzi, tutti ben accolti dalla critica canadese. È anche autore di due raccolte di racconti – Longues histoires courtes e Rire noir; uno dei suoi racconti è stato incluso nell’antologia di autori del Québec Intimate Strangers, pubblicata dalla Penguin in The Many Worlds of Literature.
Nel settembre 1998 è stato il primo autore del Québec ad essere pubblicato nella “Série Noire” di Gallimard con il breve romanzo Cadavres, ripubblicato in Francia nel 2002 nella collezione “Folio policier” e in Italia nel 2004 presso Marcos y Marcos e recentemente trasposto cinematograficamente. In seguito, altri due sue romanzi – Moi les parapluies… (1999) e Chiens sales (2000) – sono stati pubblicati nella “Série Noire”.
Barcelo ha anche sperimentato da molti anni la letteratura per bambini, in particolare con la serie Momo de Sinro, molto conosciuta in Canada anche per i premi ricevuti.

PER ULTERIORI INFO SULL’ATTIVITÀ DI FRANÇOIS:
W http://www.aei.ca/~barcelof
@ barcelof@aei.ca

André Carpentier

André Carpentier 

Nato a Montréal il 29 ottobre 1947, André Carpentier è annoverato tra i maggiori scrittori canadesi di lettura fantastica. Ha pubblicato, tra le altre cose, due romanzi (Axel et Nicholas, 1973, e L’aigle volera à travers le soleil, 1978), un diario sul mestiere dello scrittore (Journal de mille jours, 1988) e tre raccolte di racconti (Rue Saint-Denis, 1988, edito da Sinnos, De ma blessure atteint et autres détresses, 1990, Carnet sur la fin possible d’un monde, 1992, entrambi in pubblicazione presso il Sirente). È stato direttore della collana « Novella » di XYZ éditeur (Montréal). Fin dai suoi esordi, Carpentier si interessa anche ai fumetti e alla letteratura umoristica. Attualmente, insegna presso l’Université du Québec a Montréal ed è animatore e critico letterario di Radio-Canada.

Pierre Clémenti

Pierre Clémenti © Elisabetta Catalano 

Figlio di padre ingnoto e madre còrsa, Pierre Clémenti nasce a Parigi il 28 settembre 1942. Attore e regista, ribelle e anticonformista, esordisce nel teatro off parigino. Il suo ruolo in Bella di giorno di Luis Buñuel lo porta alla notorietà e lo lancia nel mondo del cinema sia francese che italiano. Gli anni tra il 1967 e il 1971 sono i più proficui della sua carriera cinematografica: tra i film a cui partecipa, Partner (1968) e Il Conformista (1970) di Bernardo Bertolucci, I Cannibali di Liliana Cavani (1969), Porcile di Pier Paolo Pasolini (1969), Bella di giorno (1967) e La via lattea di Luis Buñuel (1970), Le lit de la vierge (1969) e La cicatrice intérieure (1971) di Philippe Garrel, Cutting heads di Glauber Rocha (1970). Clémenti, attraverso i suoi personaggi, esprime anni di profondo cambiamento socioculturale e di grande rinnovamento linguistico della scena cinematografica italiana e francese. Parallelamente alla sua passione per la recitazione Clémenti si cimenta anche nella realizzazione di cortometraggi sperimentali: La révolution… (1968), Visa de censure (1967-75), New Old (1978), A l’ombre de la canaille bleu (1978-85), Soleil (1988).

Nell’estate del 1971 viene arrestato per detenzione di droga e incarcerato per più di un anno nelle prigioni di Rebibbia e di Regina Coeli a Roma. Rilasciato per insufficienza di prove, non potrà più far ritorno in Italia. In seguito a questa esperienza scriverà il libro Quelques messages personnels, pubblicato in Italia dall’Editrice il Sirente come Pensieri dal carcere nel 2007. Pierre Clémenti muore il 27 dicembre 1999 all’età di 57 anni.

Rahel Francesca Genre

Rahel Francesca Genre (Zurigo14 aprile 1978) è una traduttrice e attrice italiana.

Ha studiato Storia Moderna e Contemporanea presso la Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Ha vissuto in Piemonte, Sicilia e Montpellier (Francia, 1985-86) e Roma, dove attualmente vive e lavora. Dal 1996 al 2005 ha lavorato con la Compagnia Teatrale Lo Scaldabagno di Roma. Ha lavorato cinque anni per l’Esecutivo della Chiesa valdese in Italia. È autrice di traduzioni dal francese e tedesco, tra cui recentemente il romanzo Tout sur nous di Stéphane Ribeiro per Castelvecchi, Dans la Cité. Réflexions d’un croyant di André Gounelle per l’Editrice Claudiana e il romanzo L’emprise di Gaëtan Brulotte (pubblicato nel 2008 dall’Editrice il Sirente con il titolo Doppia esposizione).

PER ULTERIORI INFO SULL’ATTIVITÀ DI RAHEL:
@ rahel.genre@gmail.com

FONTE: Rahel Francesca Genre. (27 maggio 2008). Wikipedia, L’enciclopedia libera. Tratto il 1 giugno 2008, 17:17 da http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Rahel_Francesca_Genre&oldid=16383413.

Gaëtan Brulotte

Gaëtan Brulotte © 2006 Oscar Chavez 

Nato in Québec, Gaëtan Brulotte ha studiato Lettere moderne presso l’Università di Laval e, sotto la direzione di Roland Barthes, presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales. Ha insegnato letteratura in Canada e negli Stati Uniti, dove è attualmente professore presso la University of South Florida. Divide il proprio tempo tra la Francia, il Canada e gli Stati Uniti. È autore di romanzi e racconti, autore teatrale e saggista. Tradotto in diverse lingue, è vincitore di numerosi premi letterari e le sue opere figurano in antologie e manuali di letteratura. Molte di esse sono state adattate per il cinema, la televisione e la radio. È inoltre autore di Oeuvres de chair. Figures du discours érotique, considerato dalla critica come il primo studio d’insieme sulla letteratura erotica, sino a quel momento ai margini della storia e dell’ambito accademico, e ha codiretto il vasto progetto della Encyclopedia of Erotic Literature, pubblicato in due volumi nel 2006 da Routledge.
Alla scrittura di Brulotte è stata dedicata un’importante monografia – Gaëtan Brulotte: une nouvelle écriture, New York, Mellen, 1992 – che ha vinto il Premio internazionale di studi francofoni. La critica ha situato l’insieme della sua pratica artistica nella tradizione di Cechov, Kafka, Becket e Calvino, mentre per la produzione saggistica ha evocato Jean-Pierre Richard e Roland Barthes: come è stato detto, “la sua scrittura si appoggia su un sistema rigoroso che ricorda l’apparato testuale di Aquin, di Ducharme, di Borges e di Calvino (Réjean Beaudoin, “Autoportrait d’un écrivain dans le miroir” in Fisher, Claudine, dir. Gaëtan Brulotte: Une Nouvelle Écriture. New York: Mellen Press, 1992.)
L’originalità della sua opera concerne principalmente lo sguardo distante e ironico sui comportamenti umani, dai più ordinari a quelli più marginali. La scrittura di Brulotte sconvolge i generi letterari, prendendo spesso forme di discorso della vita quotidiana per ridare loro forza e umanità.

PER ULTERIORI INFO SULL’ATTIVITÀ DI GAËTAN:
W http://www.gbrulotte.com
@ brulotte@chuma1.cas.usf.edu

Ernesto Pagano

Ernesto Pagano 

Ernesto Pagano approda al Cairo nel 2005 con l’intenzione di imparare l’arabo della gente comune, oltre all’arabo del Corano, studiato per anni all’università.
Inizia a fare conoscenza col paese proprio attraverso le lunghe chiacchierate coi tassisti, rappresentanti delle più svariate tonalità di colore della società egiziana. Allo stesso tempo, interagisce con l’Egitto attraverso la sua attività di ricerca in campo islamologico.
Dopo la laurea, fa ritorno al Cairo come collaboratore dell’ufficio stampa all’Ambasciata Italiana. In seguito inizia a lavorare per una Ong italiana come consulente per le attività culturali.
È in questo frangente che cura e traduce una raccolta di storie popolari egiziane edita da un piccolo editore sardo, collabora con giornalisti egiziani per la produzione di trasmissioni radio indipendenti, fa il formatore di migranti analfabeti, collabora come autore, interprete e fixer alla realizzazione di un documentario sulla megalopoli Cairo prodotto da Raitre.
Attualmente  scrive d’Egitto, di Islam e di Medio Oriente in varie testate cartacee e online.
Si dice che chi beve l’acqua del Nilo è destinato a rimanere legato all’Egitto per tutta la vita. Forse Ernesto l’ha bevuta senza accorgersene, visto che da ormai tre anni rimane ancorato alla terra del grande fiume senza nessuna intenzione di fare ritorno a casa.”

PER ULTERIORI INFO SULL’ATTIVITÀ DI ERNESTO:
@ er_pagano@yahoo.it

Khaled Al Khamissi

Khaled El Khamissi 

Giornalista, regista e produttore oltre che scrittore, Khaled è nato nel novembre del 1962. Figlio d’arte, anche il padre era uno scrittore. El Khamissi è un artista poliedrico, si è laureato in Scienze politiche alla Sorbona di Parigi. Ha lavorato per l’Istituto Egiziano per gli studi sociali. Ha scritto sceneggiature per vari film egiziani quali Karnak, Iside a Philae, Giza e altri. Scrive periodicamente articoli e analisi critiche su politica e società in diversi giornali e settimanali egiziani. E¹ il proprietario e direttore della Nile production company, con la quale produce documentari, film, fiction Tv e animazione per bambini.

PER ULTERIORI INFO SULL’ATTIVITÀ DI KHALED:
W http://www.taxitalks.com
@ khaled@taxitalks.com

Giampiero Cordisco

Giampiero Cordisco 

Nato a Montefalcone nel Sannio (Campobasso), Giampiero Cordisco ha studiato presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”. Ha vissuto in Romania e a Roma, dove attualmente vive e lavora. Ha collaborato con le Edizioni Nottetempo ed è autore di traduzioni dall’inglese. È autore de “La Bibbia apocrifa di Nick Cave: And the Ass Saw the Angel” fra delirio e catarsi. È co-autore del progetto musicale Obsolescenza Programmata, collettivo italiano che tende a musiche liminari e anomiche, musiche che solitamente vengono etichettate come ‘no-wave’, ‘noise’, ‘industrial’, ‘post-punk’, ‘power electronics’, ‘harsh’.

PER ULTERIORI INFO SULL’ATTIVITÀ DI GIAMPIERO:
W www.myspace.com/obsolescenzaprogrammata
    giampiero-cordisco.neurona.it
@ gia.cordisco@libero.it

Norman Nawrocki

Norman Nawrocki 

Figlio di immigrati polacco-ucraini, Norman Nawrocki è nato a Vancouver, nell’estrema provincia occidentale canadese del British Columbia, e si autodefinisce ‘sex educator, cabaret artist, musician, author, actor, producer and composer’. Il suo legame con la parola scritta si manifesta dall’età di 14 anni, quando scrive il suo primo libro, Why I am an Anarchist. Nel 1981 si sposta a Montréal, nella provincia francofona del Québec, dove intraprende la carriera di artista-cabarettista, e nel 1985 fonda con il chitarrista Sylvain Coté Rhythm Activism, gruppo anarchico underground. Nawrocki, violino e voce della band, al suo ottavo libro, è titolare della casa editrice e discografica indipendente Les Pages Noires, attraverso la quale ha realizzato tre libri e più di cinquanta album tra cd e cassette come solista, con Rhythm Activism, i veterani del punk canadese DOA, gli olandesi The Ex e altre band.

PER ULTERIORI INFO SULL’ATTIVITÀ DI NORMAN:
W www.nothingness.org/music/rhythm
@ rhythm@nothingness.org