Archivi tag: Altriarabi

“E SE FOSSI MORTO?” di Muhammad Dibo – NOVITA’ COLLANA ALTRIARABI

In uscita a Novembre per la collana Altriarabi dell’editrice il Sirente

E se fossi morto?” dell’autore siriano Muhammad Dibo 

(trad. dall’arabo di Federica Pistono)

«Se vivi in Siria, la morte può colpirti in ogni momento: puoi essere arrestato, essere colpito da una bomba, sparire in uno dei tenebrosi sotterranei dei servizi segreti, considerati tra le prigioni più infami del mondo…»

Un mattino l’autore-protagonista viene svegliato da una strana telefonata, un’amica gli comunica che un giovane dal nome Mohammed Dibo è stato ucciso nella città di Duma, lo strano caso di omonimia lo costringe ad indagare e a ripercorrere i dolorosi anni siriani dal 2011 a oggi, costruendo un’opera di stretta attualità.

Mohammed Dibo, in un libro che è a metà strada tra il romanzo e un trattato politico ci offre una visione “dall’interno” della situazione siriana, il punto di vista di un testimone attore, in grado di avvicinare il lettore al modo di sentire del rivoluzionario e alle contraddizioni insite nella rivoluzione stessa.

Mohammed Dibo è un giornalista, scrittore e poeta siriano, nato nel 1977. Laureato nel 2005 presso la Facoltà di Economia dell’Università di Damasco. Ha partecipato fin dal marzo 2011, alla rivoluzione siriana contro il regime di Bashar al-Asad. Arrestato e torturato in carcere, è stato successivamente rilasciato. Si trova attualmente in esilio a Beirut. Collabora con numerose testate giornalistiche di rilievo internazionale, ed è l’editor in chief di Syria-untold, testata che si occupa di attivismo civile. “E se fossi morto?” (pubblicato in Siria nel 2014) è il suo ultimo libro.

L’autore presenterà il suo libro venerdì 13 Novembre al Festival NUES di Cagliari “NUVOLE DAL FRONTE”. La VI edizione di questo peculiare Festival internazionale dedicato ai cartoni e ai fumetti nel mediterraneo è dedicata quest’anno alla guerra e ai conflitti nei suoi molteplici scenari.

Sempre nella giornata del 13 Novembre all’interno della programmazione del Festival NUES sarà presente anche  Jérôme Ruillier, autore della graphic novel “Se ti chiami Mohamed“, titolo aprente della neonata sottocollana Altriarabi migrante.

A seguire Muhammad Dibo sarà a Roma Sabato 14 Novembre ore 18,30 presso la Libreria Griot (Trastevere), dove interverranno oltre all’autore, Federica Pistono (traduttrice del libro), Donatella Della Ratta (moderatrice), e Fouad Rouheia (interprete).

Domenica 15 Novembre sarà invece tra gli ospiti della kermesse letteraria Librinfestival presso La Casa della Pace di Monterotondo ore 17,00.

 

La letteratura è una sfida – intervista allo scrittore iracheno Hassan Blasim

C magazine | Lunedì 31 marzo 2014 | Agnese Trocchi |

“Agli inviti dei pochi amici critici rispondeva citando lo scrittore ungherese Béla Hamvas: “In casa impari a conoscere il mondo, mentre in viaggio impari a conoscere te stesso.” A quasi cinquantasette anni, Khaled al-Hamràny non aveva mai lasciato la sua citta.” (Hassan Blasim, Il Mercato delle Storie in Il Matto di Piazza della Libertà, il Sirente ed.)

Se Khaled al-Hamràny, personaggio del racconto Il Mercato delle Storie, non si è mai mosso dalla piazza del mercato della sua città, lo stesso non si può dire del suo autore, lo scrittore iracheno Hassan Blasim. Continua la lettura di La letteratura è una sfida – intervista allo scrittore iracheno Hassan Blasim

L’autunno siriano secondo Golan Haji

Frontiere News | Mercoledì 11 dicembre 2013 | Monica Ranieri |

Incontro Golan Haji, poeta curdo siriano, a Baridove è stato invitato per presentare la sua raccolta di poesie “L’autunno qui, è magico e immenso”, edita da “Il Sirente”. Ho il libro tra le mani e lo sguardo continua a soffermarsi su alcuni versi che avevo sottolineato leggendolo. “La mia ombra, appena calpestata/ si ripara sotto di me/ e le mie parole/che sono il mio deserto e mi fan male/si accampano intorno a me”. L’espressione degli occhi di Haji mentre mi racconta della Siria, dei diritti del popolo curdo, e del suo muoversi lungo ed oltre i confini delle scritture e delle lingue, e il tono vibrante della sua voce, mi hanno condotto amichevolmente lungo i sentieri che le parole accampate tracciano attraversano il deserto.  Continua la lettura di L’autunno siriano secondo Golan Haji

Golan Haji – Every Writing is a Translation

Prairie Schooner | Domenica 16 giugno 2013 |

Photo of Golan Haji; Photo Credit: Mikel KruminsA pathologist and doctor, Golan Haji’s literary career includes several collections of poetry; an Arabic translation of Robert Louis Stevenson’s classic, The Strange Case of Dr. Jekyll & Mr. Hyde; and numerous appearances at festivals worldwide. His first collection won the al-Maghut prize and his latest, A Cold Faraway Home, will be published soon in Beirut. He lived in Damascus until he had to flee his country in 2011. He settled in France.

It is hard to believe that I met this Syrian/Kurdish poet two years ago in May 2011 as the crisis in Syria was only just beginning. It saddens me that it has continued to be so bloody for so long. When I met Golan we were in Beirut with Reel Festivals and he had no idea if he would be able to go back to his home as the borders were often closed and the road was dangerous. It was a stressful time to be in the region working on translations with these generous and embattled poets. Despite the strife, we managed to create a free e-book of new Syrian and Lebanese poetry in translation. Golan’s poetic grace and thoughtfulness continues to be relevant.

Golan Haji: I think that every writing is a translation. For me as a Kurd, I talk in Kurdish but I write in Arabic. But it’s not as simple as that, and I think that’s what’s going on in the poet’s head. Something is lost, and the writing is always incomplete. When you try to find the right word or the right image, and it’s not always possible, the poem takes its beauty from this process of imperfection. It’s always imperfect, and that’s why the writing never ends. Just as the idea of identity ends in death, when one is dead, that’s his final identity. One is always looking for others in other places and languages.

Translation is a process of changing places while you are in the same place. It’s not reincarnation, or just to imitate the others. It’s the stranger who comes to your house, is welcomed, is invited, and you know that he will change you in a very secret way, even through silence. And this deep, slow change that translation gives is very important. I think that writing, through the history of literature, was always influenced by translations. I cannot see the modern poetry of any place in the world [without] translations;  that’s impossible. Modern Arab poetry is influenced by English, American, French, Japanese, and German poetry, and I think in Germany and England it’s the same. This translation makes poetry more precise to work with.

To translate poetry well, you need to know what’s going on in the world, and that your roots are everywhere, in all continents. Translation is not just moving the words from language to language; it’s also the movement of the shadow of meaning, how you must be precise to capture the sensations, the images. You are unaware when you have changed, and you don’t know how.

RVW: You can translate every word in a poem and still not have a poem. I like the notion that you’re translating yourself. As a Syrian poet in the current climate , you’ve said before that “being alive is a poetic act,” and I’m just wondering how the events in Syria are affecting your work?

GH: I think that poetry in general is a political act, anti-politics. When you write any poem, when you’re talking about anything, it’s a political act. But what’s been going on in Syria in the past two months is very new for the Syrian people. For the first time in four or five decades, people are in the street demonstrating. That is very beautiful and terrifying at the same time. You are in the street and afraid of being killed… I was amazed by such courageous young people in the streets.

And when I see the death of a young man, when I see that beauty pass away, I feel completely helpless. I’m unable to do anything, and that’s why my mind stopped for a whole month, watching television, the Internet, I was unable to write. I tried to arrange my ideas, just to control this big confusion, but sometimes I feel ashamed to be using words when such beautiful people are killed and you cannot do anything for them. Many friends and I who are writers, poets, and painters suffer from the same circumstances. People in the street do not know us; I write for them, but they do not read me. I write for some people who I dream of, and I know them like they are my brothers and friends. And they changed me.

It’s just two months but it feels like two years.  I look at my own country in a different way:  I know that Syria is going to change, and my only hope is not to see any more bloodshed, any more people thrown in jail, people who are afraid to talk, afraid to write. Actually fear is a great chain in the history of man. If you want to describe something that is unusual psychologically, it’s very impressive and at the same moment sad and cheerful; there are mixed feelings. Many people need time to see. Now, the situation in Syria is completely blurred and confused, but something beautiful is coming out, and coming out soon, I hope.


For the complete interview, you can listen to the original podcast at the Scottish Poetry Library.

Watch “Road to Damascus,” a short film by Roxanna Vilk featuring Golan Haji.

Ryan Van Winkle is a poet, performer, and critic living in Edinburgh. These interviews are from his Scottish Poetry Library podcasts produced and edited by Colin Fraser. This team also produces the arts podcast The Multi-Coloured Culture Laser. He was awarded a Robert Louis Stevenson fellowship for writing in 2012.

Il camion per Berlino

| Minima & Moralia | Lunedì, 27 febbraio 2012 | |

Questo è l’incipit di un racconto di Hassan Blasim, autore iracheno contemporaneo, tradotto da Barbara Teresi per il libro «Il matto di piazza della Libertà» (edizioni Il Sirente). Hassan Blasim, nato a Baghdad nel 1973, è poeta, regista, blogger e autore di racconti brevi. Nel 2004, in seguito a problemi scaturiti dalla realizzazione del film «Wounded Camera», ha dovuto lasciare l’Iraq e si è rifugiato in Finlandia, dove vive tuttora.

Tratto da: Hassan Blasim, «Il matto di piazza della Libertà», Il Sirente, Roma 2012 Continua la lettura di Il camion per Berlino

Nawal al-Sa’dawi, “L’amore ai tempi del petrolio”

Nigrizia | Maggio 2009 |

Un romanzo dall’atmosfera surreale, con il petrolio che le donne portano a barili sulla testa invece dell’acqua, con il petrolio che esce dai loro seni invece del latte per i loro piccoli… Una donna, un’archeologa, è scomparsa di casa: nulla di simile si è mai visto in questo paese innominato dove «Sua Maestà» è analfabeta e questo è per lui «segno di distinzione»… Un surrealismo però ben realista nella sua potentew dennuncia della condizione della donna, di cui si fa complice la donna stesse, da parte di una storica e radicale femminista egiziana (la cui presenza è prevista all’imminente Fiera del Libro di Torino, con l’Egitto paese ospite). L’introduzione, non di circostanza, è di Luisa Morgantini. il Sirente, 2009, pp. 140, € 15,00.

Khaled Al Khamissi, “Taxi. Le strade del Cairo si raccontano”

NIGRIZIA – Febbraio 2008
di Pier Maria Mazzola

gencopertina«E perché secondo te dove viviamo? In una città? La giungla è il paradiso rispetto a dove stiamo noi. Lo sai dove viviamo noi? — Dove? — All’inferno». 58 siparietti da cui si sprigiona, nelle conversazioni fra il cliente-narratore e un tassista o l’altro, la satira, sociale e politica (anche se l’autore ammette di essersi autocensurato su certi nomi e certe storie…). Donne in niqab che dentro il taxi si trasformano, tassinari con storie strappalacrime per scucire qualche lira di più, il traffico che si blocca — anche quello pedonale — a motivo di una passeggiata di Mubarak… Il libro è un best seller in Egitto, e al lettore nostrano tornerà in mente la commedia all’italiana. Il Sirente, 2008, pp. 191+XII, € 15,00.

Piccole storie dal mondo degli umili

INTERNAZIONALE – 5/11 settembre 2008 – n. 760
di Patrice Claude

I suoi racconti sui tassisti del Cairo sono un pretesto per parlare della povertà nella società egiziana.

Alcuni dicono che Khaled Al Khamissi si è autocensurato. Gli ottantamila tassisti del Cairo sono più volgari di come li descrive: adorano parlare di sesso, droga, soldi e degli imbrogli che fanno.
Al Khamissi nega. E nell’introduzione precisa: Taxi (Dar el Shorouk 2007) raccolgie 58 storie tragiche. Storie che ha sentito nel corso dei suoi spostamenti quotidiani nella metropoli
Anche se questo libro è vivamente consigliato ai milioni di stranieri che vengono ogni estate ad abbronzarsi al sole egiziano, Taxi non è un vademecum per turisti in cerca di buoni consigli. Anzi, dopo aver letto queste 220 pagine scritte “in dieci giorni” è probabile che il turista si senta in colpa per aver trattato sul prezzo chiesto dal tassista. Dopo la lettura di Taxi il visitatore avrò imparato molte cose sulla vita quotidiana degli egiziani, sulle loro frustrazioni, sulle loro piccole e grandi miserie, sul disprezzo quasi generale delle istituzioni e, soprattutto, sulla loro mancanza di prospettive.
Nella società egiziana, incatenata da un’efficiente censura di stato, il taxi è diventato uno degli ultimi spazi di discussione più o meno libri. I tassisti sono vere e proprie bestie da soma, capaci di lavorare fino a 18 ore al giorno al volante dei loro ferrivecchi, nell’inquinamento soffocante del Cairo, nel caldo afoso dell’estate, nell’assordante frastuono quotidiano. Tra loro ci sono sognatori, fanatici, misogini, maniaci sessuali, mistici, attori, professori, universitari disoccupati, speculatori rovinati, immigrati, filosofi senza diploma, sociologi ignoranti, bugiardi patentati e truffatori. Nel libro sono tutti presenti. Ma Taxi non è un libro sui taxi. “Non ho fatto un lavoro da giornalista, ma da scrittore”, spiega Al Khamissi. Proprio perché la loro occupazione “non è più un mestiere, ma solo un modo per sbarcare il lunario, i miei tassisti sono diventati il pretesto per dire delle cose sulle classi povere dell’Egitto”.

Brezza rinfrescante
Secondo Galal Amin, economista e sociologo dell’università americana del Cairo, Taxi è “un lavoro innovativo, che descrive un quadro estremamente veritiero della societò egiziana di oggi”. Di recente un giornale statunitense lo ha paragonato a “una brezza rinfrescante in una giornata molto calda”. Baheyya, autore di un blog anonimo ma molto seguito dagli egiziani più ricchi che possono permettersi un computer, lo considera “una cronaca toccante della lotta titanica per la sopravvivenza” in Egitto.
In effetti quando si finisce di leggere questo libro si capiscono molte cose sull’Egitto contemporaneo.È un miracolo della buona letteratura: 58 scenette tratte dal magma umano del Cairo sono più istruttive di interminabili conferenze o di intere biblioteche di sociologia, antropologia ed etnologia.
La magia di Taxi in questa atmosfera leggera ma al tempo stesso molto reale. In un paese alfabetizzato in teoria al 70 per cento ma dove un best seller non vende più di cinquemila copie, Dar el Shorouk, il fortunato editore egiziano di Al Khamissi, ha già venduto in un anno e mezzo 75mila cioue della versione in arabo. E il libro continua a vendere.
Nel suo saggio intitolato “perché il mondo arabo non è libero”, il più autorevole psicoanalista egiziano, Mustafà Safuan, scrive che una delle ragioni del divario tra i popoli arabi e le loro élite intellettuali è che queste ultime non sono disposte a scrivere nella lingua popolare della strada e quasi sempre preferiscono l’arabo classico, inaccessibile alle masse.
Al Khamissi proviene da una famiglia ricca e famosa: suo padre, Abel Rahman Al Khamissi, era un noto poeta, sua madre una celebre attrice, i suoi zii, fratellastri e sorelle lavoravano nel mondo dell’editoria e del giornalismo. Ma Khaled Al Khamissi, conferenziere, sceneggiatore, regista, produttore di film e documentari, ha saputo evitare i difetti degli intellettuali. I suoi taxi parlano come nella vita reale. Questo ex studente di 45 anni è tornato in patria dopo aver ottenuto un dottorato in scienze politiche negli anni ottanta alla Sorbona di Parigi.
La versione inglese del libro non riesce a rendere bene il linguaggio crudo usato nelle strade del Cairo. E probabilmente anche le traduzioni in corso in tedesco, olandese, italiano, greco e sloveno incontreranno le stesse difficoltà. Ma il punto fondamentale non è questo. La cosa più importante per l’autore, che ha già cominciato il suo terzo romanzo (il secondo uscirà a novembre), è parlare delle realtà che agitano il paese.
Laico tollerante e di ispirazione socialista, Al Khamissi ne è certo: “La rivolta è inevitabile, i più poveri non ce la fanno più”.