nawal-el-saadawi

Marika Macco

Marika Macco è nata a Biella nel 1973. Si laurea in Lingua e Letteratura Araba nel 1999, presso l’Università di Torino, e nel 2007 ottiene un Master degree in Studi di Genere (Facoltà di Scienze Sociali), presso l’Università di Leeds, Regno Unito. Da otto anni vive e lavora in Egitto, inizialmente ad Alessandria e oggi al Cairo. All’interesse per la lingua araba, concilia lo studio delle scienze sociali, relative alle questioni di genere e sviluppo, nel contesto socio-culturale del Medio Oriente. Questi interessi si riflettono nelle sue scelte lavorative, e nel desiderio di comunicare, attraverso l’attività di traduzione, realtà ma anche fantasie, di una società spesso sconosciuta ed erroneamente interpretata.

Un pensiero su “Marika Macco”

  1. ciao, (mi permetto di darti del TU visto che siamo quasi coetanee sono del 1976).
    Ho trovato il tuo nome cercando su google dei libri sulla situazione delle donne in egitto. Ho gia’ ordinato il libro da te tradotto”L’amore ai tempi del petrolio”- Tra l’altro sono anche io della provincia di Torino (ho visto che te sei di Biella).
    Non so come spiegarti quello che mi è capitato e non so neanche perchè ho pensato di farlo con te. Ad agosto sono stata a Marsa ALam x una settimana in un villaggio turistico. Premetto che non è la mia vacanza ideale quella nei villaggi(preferisco i contatti con la gente del posto) dove trovo sia tutto “finto” , ma x vari motivi ho scelto questo tipo di vacanza. X fartela breve ho conosciuto un ragazzo egiziano che vende tappeti nel Resort del villaggio. UN ragazzo intelligente, laureato in lingue. In quel villaggio pero’ è tutto vietato agli egiziani. non possono neanche uscire con i turisti a bere qualcosa la sera. MI ha raccontato della possibilità che aveva avuto qualche mese fa di venire in Italia dove gli avevano trovato un lavoro, ma che non gli era stato concesso il visto. MI piacerebbe rincontrare quesa persona e provare a conoscerla meglio al di fuori dalla vacanza-villaggio (non so se sono innamorata ma mi ha fatto riprovare emozioni che non provavao da tanto tempo e non sono facile agli innamoramenti estivi , non mi è mai capitato). A me personalmente non ha chiesto nulla sul fatto di dargli una mano x ottenere il visto(so che molti fanno “innamorare” le turiste solo per poter ottenere aiuti o favori x uscire dal loro paese). Mi ha chiesto pero’ di andarlo a trovare di nuovo(non nel villaggio ma in un posto dove poteva avere + liberta e che mi avrebbe fatto visitare l’Egitto visto che sta anche prendendo il “patentino” x diventare guida turistica) -in quella settimana di vacanza non siamo riusciti a stare molto insieme, a parte qualche visita sfuggente che facevo nel suo negozio (pero’ sempre di nascosto perchè mi diceva che il personale della sicurezza lo teneva sotto controllo perchè aveva notato che ero spesso nelle sue vicinanze). Mi ha detto che x la religione non possono farsi vedere in atteggiamenti “intimi” in pubblico. Arrivo al motivo per cui ti ho scritto. Volevo accettare questo invito a ritornare in egitto e passare qualche giorno in sua compagnia senza “rischi” x il suo lavoro o paura di essere controllati. Il problema è che vorrei saperne di + sulla loro religione, sulle loro proibizioni, su come effettivamente trattano la donna occidentale. Ho fiducia in questo ragazzo (è del 1983) e mi sembra una brava persona senza secondi fini. CI continuiamo a scrivere messaggi ma so che anche x lui questo è un costo. Hai qualche libro o informazioni da consigliarmi? IO avrei pensato di prendere il volo x il Cario a inizio dicembre due o tre gg e da lì poterlo conoscere sotto un altro punto di vista..
    Scusa il disturbo e spero di risentirti.
    So che non è lo spazio dedicato a questo pero’ spero tu mi risponda.
    Ti lascio la mia mail: alba.76@tin.it
    Ciao
    Alba.(torino)
    Ps: ti ho anche cercata su Facebook. (sorry)

Rispondi